News@letter - spazio genitori

1 1

E se bastasse un sorriso?

imgart

Continua la nostra riflessione sul tema “Premi e punizioni” con una breve riflessione nata dall’esperienza personale di Mariangela Taccogna.

E SE BASTASSE UN SORRISO?

Vale la pena che un bambino impari piangendo quello che può imparare ridendo? (Gianni Rodari).

Il rinforzo positivo (il premio) per un comportamento corretto è una pratica assai divertente.

Già...meglio una grassa risata insieme che urla disumane per tutta la casa...

Leggi tutto...

PUNIZIONI E PREMI: COME NON CONTRIBUIRE ALLA CRESCITA MORALE DI UN ESSERE UMANO (parte I)

articolonews

di Ilaria Emiliano, psicologa.

“Chi punisce arreca una sofferenza perché se ne tragga un insegnamento.”

In uno studio (Sears et al., 1957) si ebbe conferma che le punizioni si dimostravano un metodo inefficace nel lungo periodo per la rimozione del comportamento al quale veniva rivolto. Studi più recenti e organizzati hanno rafforzato tali conclusioni, rivelando come i genitori che puniscono i figli per aver infranto le regole a casa si ritrovavano spesso con figli che hanno una forte tendenza a infrangere le regole fuori casa. In seguito, un gran numero di studi ha dimostrato gli effetti devastanti delle punizioni corporali che addirittura aumentano l’aggressività del bambino e non risulta neanche chiaro se di fatto ottengano un’obbedienza temporanea. La lezione che imparano i figli se subiscono punizioni, corporali e non, è che “usando la forza si può averla vinta su chi è più debole”.

Anche spiegando anticipatamente a nostro figlio che se farà una certa cosa noi lo puniremo, non avremo fatto altro che minacciarlo, informandolo in anticipo della sofferenza che intendiamo arrecargli se non obbedirà. Così inviamo un messaggio di sfiducia “io non credo che sarai in grado di fare la cosa giusta senza il timore di una punizione”. Questo induce il bambino a credersi capace di obbedire solo per ragioni estrinseche, accentuandone il senso di impotenza e diminuendone l’autostima.

Leggi tutto...

Geni.a - un anno di iniziative

geniaunanno

Premi e punizioni: il bastone e la carota nell’era di Internet

Qual è il miglior metodo educativo per i nostri figli? Molti di noi, sull’adagio di parole ascoltate da genitori e nonni, hanno adottato, anche inconsapevolmente, il metodo premi-punizioni.

Quali possono essere i premi e le punizioni per indurre i ragazzi a studiare e tenere un comportamento corretto al giorno d’oggi?

Nelle prossime settimane cercheremo di fare il punto su questi argomenti che interessano tutti noi genitori con l’aiuto di esperti del settore, anch’essi genitori di ragazzi frequentanti il nostro istituto comprensivo.

Leggi tutto...

LA PUNIZIONE COME STRUMENTO EDUCATIVO (Parte Seconda)

 

di Stefano D’Angela

3 INEVITABILITA’

La punizione deve arrivare sempre e senza eccezioni dopo il comportamento che si vuol ridimensionare. O, almeno, la contingenza aversiva deve intervenire secondo una ragione costante. Tanto, perché occorre che la sequenza si ripeta più volte prima che il cambiamento cominci a manifestarsi nella direzione voluta.

Leggi tutto...

LA PUNIZIONE COME STRUMENTO EDUCATIVO (Parte Prima)

 

di Stefano D’Angela

Non è più molto frequente che gli educatori sostengano l'utilità dei mezzi punitivi in ambito educativo. Bambini e ragazzi costituiscono ormai una categoria sociale superprotetta, rispetto ai i tempi in cui la sofferenza e la mortalità infantile erano prese come normali accidenti della vita familiare. Oggi, ogni notizia di azione punitiva o coercitiva, se consumata, usata o abusata ai danni di un minore, suona come un grave disattendimento morale. L'uso della punizione come tecnica educativa, pur di antichissima tradizione (la ferula era nelle mani di tutti i maestri dell'antica Roma), è generalmente condannato. Ciò nonostante resta ancora viva la formula del buon senso popolare, secondo cui è giusto un misurato esercizio della punizione quando ogni altro mezzo si riveli inefficace.

Leggi tutto...

L'esperienza del 'bello' in psicoanalisi: l'articolo della newsletter "Spazio Genitori" di questa settimana

FB IMG 1558943190088

Ricerca del bello. Ma cos'è il bello nella psicanalisi, in questo studio che scava nella mente umana incessantemente? Cosa è "attraente"? Ce lo spiega Stefano D'Angela.

“Da un bel corpo, ai bei corpi, da questi verso le anime, quindi verso ciò che è bello nelle maniere di vita, alle leggi, nelle conoscenze, fino alla sfera ormai ampia del bello”. È questa una delle affermazioni portanti del pansessualismo freudiano applicato all’estetica?

Leggi tutto...

La bellezza NON esiste: il nuovo, provocatorio articolo della newsletter "Spazio genitori"

eye 2555760 1280

Con questo titolo provocatorio Tiziana Anna Piscitelli ci fa riflettere su cosa significa la bellezza, se riusciamo a ri-conoscerla e liberarla... 
 
Non esiste la bellezza né i suoi “derivati”: la bellezza è negli altri che ci liberano e consentono a persone e cose di “liberare” la propria irripetibilità. Perché è l’unicità che fa la bellezza.

Leggi tutto...

"Bello ritrovarsi": l'articolo di questa settimana della newsletter Spazio Genitori

IMG 6642Bellezza è stupore. Riconoscere quanta strada si è fatto e avere voglia di non fermarsi. Grazie a Cristina Nardulli per le sue parole che raccontano di ciascuno di noi.IMG 6644

L'altro giorno sbirciavo per caso tra le carte impolverate de 'I miei ricordi'. Fascia post-adolescenziale, quella di passaggio dal "No a prescindere" al "Forse mi sbagliavo", per intenderci. A quei tempi amavo sciorinare i miei pensieri su fogli svolazzanti che a fatica tenevo insieme in una raccolta.

Leggi tutto...

Siamo ancora in grado di vedere la "vera Bellezza"? : il nuovo articolo della newsletter Spazio Genitori

IMG 6544Approfondiamo le nostre riflessioni sul tema, con il prezioso aiuto di Ilaria Emiliano.

In questo mondo riusciamo ancora a trovare ed apprezzare la bellezza che, nonostante tutto, ci circonda?

Leggi tutto...

Ho trovato la bellezza: il nuovo articolo della newsletter "Spazio genitori"

FB IMG 1555308665956Dov’è la bellezza? Prova a rispondere Mariangela Taccogna, a partire dalla sua personalissima esperienza.
 
“Il mistero della vita sta nella ricerca della bellezza” (Billy Wilder). E io l’ho cercata. Ecco alcuni luoghi (soprattutto dell’anima) nei quali l’ho trovata…

Leggi tutto...

La bellezza salverà il mondo: il tema del mese della newsletter "Spazio genitori"

bellezza titoloCon l’articolo che segue, inauguriamo il nuovo tema che vogliamo approfondire nelle prossime settimane: “la bellezza salverà il mondo”. Grazie ad Angelo Fabrizio-Salvatore per questa interessante introduzione.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": Lettera a mio figlio adolescente

image1L’ultimo articolo sul tema è affidato a Cristina Nardulli, mamma di figlio adolescente. La sua lettera esprime i timori e le gioie di ogni mamma che vede il proprio figlio trasformarsi in un uomo.

****

Ti guardo. Dal basso verso l'alto: sei diventato quanto me. Le mie spalle sono dritte e fiere, ora, quando ti bacio la fronte.

Leggi tutto...

Genitori: la libertà di diventarlo, l'obbligo di "esserlo" - Newsletter "Spazio genitori"

FB IMG 1552919225287Una nuova riflessione di una madre avvocato, Carmela Martiradonna, tra libertà e obbligo della genitorialità.
***
Genitori non si nasce!
Da sempre si parla del diritto di diventare genitore, ma cosa accade subito dopo esserlo diventato?
Si parla dei doveri dei genitori nei confronti dei figli, ma in cosa consistono?
“I genitori hanno l’obbligo di mantenere, istruire ed EDUCARE i figli”. Questo recita la legge.

Leggi tutto...

Essere padri di adolescenti - Newsletter "Spazio genitori"

silhouette 1082129 1920* di Stefano D’Angela
 
Seduti sul divano, alle otto di sera, con facoltà di poggiare i piedi, senza neanche sfilarli dalle pantofole, sul prezioso tavolino in cristallo con ruote industriali firmato Gae Aulenti. Si può fare, mamma è andata a prelevare la figlia più piccola dal corso di pianoforte e tornerà non prima di mezzora.

Leggi tutto...

Io, figlio desiderato. Non biologico ma voluto - Newsletter "Spazio genitori"

padre figlio*di Mariangela Taccogna

L'articolo che segue è il risultato di numerose chiacchierate con mio marito, figlio adottivo, riguardo la sua “condizione esistenziale”. Ho provato a raccogliere i suoi pensieri e a trasferirli in un flusso organico di riflessioni, che raccontano la sua esperienza. Un’esperienza che condivido ogni giorno ormai da quasi 17 anni e che mi ha permesso di maturare una prospettiva nuova sulla vita e sull’essere genitori. Ve la propongo.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": Gli insegnanti non sono genitori

woman 3169680 1280Prima si chiamava “scuola materna”, quasi si dovesse continuare a scuola un rapporto iniziato con la mamma e poi bruscamente interrotto dall’inizio della scuola. Quasi che la scuola strappi il figlio agli affetti, allo “stare meglio coi genitori”. Gli insegnanti non sostituiscono la famiglia, sebbene alcuni genitori sembrerebbero delegare alla scuola i più svariati compiti: accudire, istruire, correggere, comprendere, risolvere i problemi più disparati, sensibilizzare e chi più ne ha più ne metta.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": Maternità e paternità: genitori non si nasce, si diventa

baby 1321548 1280*di Ilaria Emiliano, psicologa.

Essere madri e padri è il “mestiere” più complesso al mondo, nessuno può insegnarci come va fatto, lo apprendiamo da come i nostri genitori lo sono stati con noi. Quindi potremmo, in un certo qual modo, dire che esiste una tradizione “orale” e “non verbale” di tali conoscenze implicite. Oggigiorno l’argomento è diventato molto centrale, esistono figure professionali che possono accompagnarci nello svolgere questo “mestiere” al meglio, ma la migliore maestra rimane sempre la Vita.

Etimologicamente la parola “genitore” viene dal latino “gigno” (genero, produco, metto al mondo, partorisco), dunque il genitore è “colui che genera o ha generato”. Tuttavia, il concetto di genitorialità è cambiato, si può essere genitori generando e prendendosi cura di un bambino/a, generando e non prendendosi cura del bambino/a, ma anche prendendosi cura di un bambino che non si ha generato biologicamente. Il compito di “essere genitori”, di allevare, far crescere e far diventare adulto un figlio è il compito principale che l’evoluzione ha assegnato a un uomo e una donna per garantire la sopravvivenza della specie.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": scopriamo il nuovo tema

IMG 6009“Tanti modi per dire maternità e paternità”. Essere genitori. Fare i genitori. Avviamo oggi una riflessione sul nostro impegnativo ma meraviglioso ruolo. Introduce l’argomento Angelo Fabrizio-Salvatore con una riflessione dal titolo “Genitori: un ‘mestiere’ senza formazione?”.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": Figlio mio è arrivato il momento: parliamo di sesso

dialogo sessualitaQuesto nostro ultimo articolo non è propriamente un articolo, è qualcosa di assolutamente e meravigliosamente umano: un dialogo.

* di Cristina Nardulli

 

-Mammaaaaa… vieni, corri!

Impasse. È successo di nuovo. Mi chiama dalla sua camera in preda all’ennesimo stupore, dall’ennesima constatazione quotidiana: il suo corpo, a dispetto di qualsiasi sua opinione in merito, sta cambiando. Un classico, in adolescenza. Non solo il cambiamento fisico (più camaleontico di quello psicologico nei tempi e nei modi), ma l’imbarazzo di tutti, visto che di fronte a ‘certe cose’ non si è mai abbastanza preparati…

-Che altro c’è, ora? Dimmi.

Mi vesto di totale disponibilità. Approccio discreto e sereno, atteggiamento da genitore rassicurante e aperto all’ascolto, significativa aritmia (ma quella per fortuna non si nota).

-No, è che… niente… Ma veramente così funziona? Voglio dire… Così tutti i giorni? Dalla testa ai piedi? Senza tregua?

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": In amore vince chi fugge... quello che vogliono farci credere

away 1020288 960 720*di Mariangela Taccogna

In amore vince chi fugge. Ma chi fugge, da cosa fugge?

Vogliono farci credere che le relazioni durano finché va bene. Che basta andare d’accordo e che quando l’armonia finisce ognuno va per la sua strada. Vogliono farci credere che l’amore è batticuore. Che non c’entra nulla con la volontà e con la cura, l’attenzione all’altro. Vogliono farci credere che prima di tutto c’è l’”io”. Che il “noi” non è importante. Che le esigenze e i sentimenti dell’altro possono non essere considerati se questo mi porta vantaggio. Vogliono farci credere che i soldi, gli status symbol, siano l’unico scopo della nostra vita. Che fanno la felicità. Che ci sarà sempre tempo per altro.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": Preadolescenza, adolescenza e sessualità, parliamone con i nostri figli.

FB IMG 1548133996568*di Ilaria Emiliano
 
La sessualità è un aspetto fondamentale dello sviluppo e della personalità, che coinvolge la persona a vari livelli: sensoriale, sociale, cognitivo, affettivo, morale, emotivo. Come adulti, le parole chiave per intraprendere questo viaggio accanto ai nostri figli sono delicatezza, discrezione, rispetto dei tempi, dei modi e del loro carattere, tenerezza e capacità di non disprezzare o sminuire.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": educare all'affettività e alla sessualità a scuola (?)

libroProsegue la nostra riflessione sul tema "adolescenza e sessualità" con l'articolo affidato a Mariangela Taccogna.

Educazione sessuale...da dove iniziare? Noi genitori siamo spesso impreparati, impacciati nell’affrontare un tema cosi delicato con i nostri figli. Delicato perché la sessualità tocca sfere e corde profonde ed intime della persona. Educare (dal latino educĕre, "tirar fuori ciò che sta dentro") è appunto la capacità di valorizzare e portare in luce ciò che l’altro ha dentro. Con rispetto e delicatezza. Non possiamo delegare questo compito di educatori a nessun’altro: la responsabilità (e la bellezza) di crescere i nostri figli spetta a noi per primi. Spesso scegliamo il silenzio che corre il rischio di creare tabù e condizionare negativamente la crescita, lasciando spazio ad altri tipi di messaggi e di valori che provengono dalla rete e dai mass media.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": sessualità e preadolescenza il tema con cui debutta il 2019

preadolescenzaLa preadolescenza. Un periodo particolarmente delicato, turbolento e pieno di cambiamenti, in cui il corpo diventa il protagonista e si inizia ad esplorare la propria identità sessuale. La riflessione di apertura su questo nuovo tema è affidata al nostro Presidente, Angelo Fabrizio-Salvatore.

Eccoci alle porte dell’adolescenza. I nostri figli e le nostre figlie sono sempre più coinvolti in attività extra familiari, il loro mondo si amplia in termini di esperienze e relazioni con figure diversificate (insegnanti, allenatori, altri genitori, ecc.), il gruppo di pari acquisisce sempre maggiore importanza.
Nell’ambito dei comportamenti che caratterizzano questa fase, un elemento nuovo viene in rilievo, prende la scena e diventa protagonista di grandi cambiamenti: il proprio corpo. Le trasformazioni puberali si avviano e il corpo si trasforma, marcando, anche fisicamente, il confine e la diversità tra maschi e femmine. Alcune domande sorgono spontanee in noi genitori. Cosa avviene in questa fase?

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": gran finale del tema "Benessere e qualità della vita"

IMG 5626Ultimo appuntamento sul tema “Benessere e qualità della vita”. Chiudiamo con la terza parte della riflessione di Stefano D’Angela relativa agli INDICATORI DELLA FELICITA’. Sulla base degli elementi suggeriti, quanto possiamo dire di essere felici?

Compiuto il salto dall’oggettività degli indicatori sociologici alla intersoggettività di quelli psicologici, per definire il benessere e la felicità, dagli anni ’90 parteuna seconda corsa all’oro. 

Per Fordyce (1992) il benessere è garantito da:

1. Essere più attivi e tenersi occupati

2. Passare più tempo socializzando

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": Che pizza sei!?

IMG 5624Il tema (Benessere e qualità della vita) sembra appassionare davvero tanto anche per le innumerevoli sfumature alle quali si presta. Oggi vogliamo seguire le suggestioni che Pippo Calabrese ci propone in merito ad un elemento a tutti molto caro: la pizza.

Stilebenessere: un binomio monco senza la parola pizza a significarlo perfettamente. E già, cosa meglio della pizza può identificarlo pienamente?

Mamma, papà, pipì, pupù, e ovviamente pizza! Mi piace pensare alla parola pizza come innata in noi, inevitabilmente presente tra le onomatopee della lallazione.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": La musica e (è) il benessere

musica newsletterUNA COMPLICITA’ CHE NON HA PREZZO

Ci sarà un motivo se puntualmente ci tuffiamo nella musica quando sentiamo l’impellente esigenza di una ‘gratificante’ compagnia. Di quelle discrete, che quando ne hai bisogno ti aiutano e basta, senza fare domande. Di solito va da sé: sei di buon umore e ascolti musica, ti senti inquieto o triste e ascolti musica. Sei carico, gasato o inferocito? La spari a tutto volume, e spesso due passetti catartici ci scappano pure. A volte invece hai bisogno di riflettere, di cercare risposte alle tue domande, soluzioni ai tuoi problemi, o caso più frequente, non vedi l’ora di volare sul divano e rilassare mente e corpo. E qui metti su sottofondi silenziosi e ad hoc, complici, senza pensarci due volte.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": Gli indicatori della felicità - parte seconda

IMG 5545Prosegue il nostro approfondimento relativo agli indicatori che ci aiutano a spiegare la felicità. Ci aiuta ad approfondire, anche questa volta, il contributo scientifico di Stefano D’Angela.

Negli anni ’80 e ’90 gli indicatori della Qualità della Vita contengono sempre più spesso riferimenti al benessere psicologico,nonchè ai servizi pubblici preposti a difenderloCon l’obiettivo di offrire un sistema di ottimizzaziondella spesa sanitaria, l’Università di Yale propone il Medicare (1983) e il lì previsto sistema di Diagnosis-Related Group (D.R.G.), che permette di classificare tutti i pazienti dimessi da un ospedale in gruppi omogenei e così di quantificare economicamente ciascun episodio di ricovero: ed ecco l’indicatore del “Disagio Psicosociale”, calcolato come rapporto tra D.R.G. di disturbo mentale e numero totale di dimissioni ospedaliere, che diventa un componente stabile nel paniere degli indicatori internazionali della Qualità della Vita.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": la felicità è una meravigliosa mancanza

FB IMG 1543244694418Questa settimana cogliamo l’invito di Valerio Capasa a riflettere sul significato profondo del benessere e della felicità cui i nostri figli aspirano...
 
Forse tutti i genitori si interessano al benessere dei figli. Li vedi giustamente preoccupati che stiano bene, acquisiscano autostima, non si sentano a disagio.

Leggi tutto...

Newsletter "Spazio genitori": Benessere e qualità della vita

IndicatoridellafelicitaAvviamo il nuovo approfondimento sul tema “Benessere e qualità della vita” con il contributo di Stefano D’Angela su: GLI INDICATORI DELLA FELICITA’ – Parte Prima. Saranno sufficienti i dati relativi alla qualità della vita a spiegare la felicità?

Dopo un ventennio di politiche e governi occidentali tutti improntati all’idea del Welfare-State, l’utopia del benessere sociale universale che aveva preso le mosse dal boom economico del secondo dopoguerra, verso la metà degli anni ‘70 il modello del Welfare va in crisi. In nessuna organizzazione sociale la spesa pubblica può salire all’infinito per garantire sempre più elevati livelli di Welfare.

Leggi tutto...